Le ricette

Rabaton Alessandrini

È il turno dei Rabaton! Un primo piatto composto da spinaci e ricotta, tipico della cucina piemontese, in particolare della provincia di Alessandria, la mia città natale. Perché Rabaton? Cosa significa? Nel dialetto piemontese “rabattare” significa cadere, rotolare… E questi gnocchetti prima di essere cotti vanno rotolati nella farina. Per prepararli occorrono pochissimi ingredienti. Come in tutte le ricette ognuno ha il proprio metodo di preparazione ed io vi mostro il mio.

•Ingredienti per 4 persone
350 gr di spinaci
200 gr di ricotta
150 gr di parmigiano
1 uovo
farina q.b.
brodo di carne q.b.
burro q.b.
salvia q.b.

Besciamella vedi link

•Procedimento
Fate bollire gli spinaci con un po’ di sale per 15 minuti, strizzateli per bene e frullateli nel mixer. Mescolateli con la ricotta, l’ uovo e il grana, aggiungete 2-3 cucchiai di farina, quanto basta per ottenere un composto compatto con cui si possano formare delle polpette. Formate delle palline, anche se la ricetta originle prevede dei salsicciotti allungati della grandezza di un dito, e rotolatele nella farina. Lessatele con delicatezza nel brodo bollente. Appena salgono a galla, scolatele e trasferitele in una teglia con abbondante burro e grana, e qualche foglia di salvia. Preparate al volo la besciamella, VEDI LINK e ricoprite i rabaton. Fateli gratinare e serviteli caldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.