È una delle regioni più popolate d’Italia e anche una con il maggior numero di siti riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’umanità come l’area archeologica di Pompei e Ercolano, la Costiera Amalfitana e la Reggia di Caserta. Una regione che regala tanto: passione per il cibo, amore per la vita, panorami mozzafiato, arte antica e moderna e per questo ci offre la possibilità di viverla a più livelli. Sia che si desideri fare un weekend all’insegna dell’arte sia che si voglia fare una vacanza itinerante o un soggiorno di mare e relax, qui ci sono tutte le possibilità e anche di più. Per questo vorrei suggerirvi quello che a me è piaciuto di più.

Sicuramente visitare Napoli a piedi! Passeggiare a piedi nelle sue vie e perdersi a guardare le case, le vetrine del centro e le botteghe artigiane, ma anche affacciarsi a guardare la città dal Parco Virgiliano di Posillipo o fare il giro della Napoli sotterranea e finire al Cimitero delle Fontanelle. Ricordatevi di fare shopping enogastronomico prima di tornare a casa perché oltre alla mozzarella c’è molto di più e le sfogliatelle sono uno dei dolci più buoni del mondo. Un altro itinerario imperdibile secondo me è la strada che passa lungo la costa tra le celebri Positano, Ravello, Amalfi e Vietri sul Mare. Qui si può ammirare il panorama dall’alto della scogliera oppure da una barca per vedere i paesini arroccati sui pendii. Un susseguirsi di panorami mozzafiato, hotel di lusso con piscine a sfioro, ristoranti modaioli e club sulla spiaggia, ma anche piccoli paesini che al tramonto sembrano un presepe illuminato. Infine per chi desidera rilassarsi è assolutamente consigliata una vacanza sull’isola di Ischia, la principale delle isole Flegree conosciuta per le sue sorgenti termali che hanno fatto la fortuna del turismo legato al benessere. Qui ci sono tantissimi hotel che offrono cure termali e piscine con acque curative, ma anche lidi e ristoranti ottimi. Sono così tante le bellezze da vedere che bisognerebbe fare un piccolo itinerario per ogni stagione per coglierne ogni sfumatura.

Capoluogo: Napoli

TERRITORIO

Il territorio è prevalentemente collinare e montuoso, l’interno della regione è attraversato dall’Appennino con una serie di catene montuose (Matese, Trebulani, Monti Picentini, Alburno e altri ancora) che nella parte centro meridionale della regione (Penisola Sorrentina e Cilento) arrivano fino al mare. In prossimità del mare sorgono alcuni massicci di origine vulcanica tra cui svetta il Vesuvio. Lo sviluppo costiero è di circa 500 km: il Litorale Domiziano totalmente pianeggiante mentre le coste delle province di Napoli e di Salerno presentano anche colline a picco sul mare con panorami mozzafiato. Da non dimenticare l’Arcipelago Campano con le tre isole principali Capri, Ischia e Procida e due minori Vivara e Nisida.

Immagini e informazioni prese da qui

Parchi nazionali:

Il parco Nazionale del Cilento, Valle di Diano e Alburni al secondo posto in Italia per dimensioni offre una straordinaria ricchezza naturalistica, ospita molte specie animali come l’aquila, e specie botaniche variegate e tipiche della macchia mediterranea.  Sicuramente un parco che merita un viaggio itinerante per apprezzarlo al meglio. Il parco Nazionale del Vesuvio  nasce dall’esigenza di difendere il vulcano, tipico vulcano a recinto costituito da un cono esterno tronco, oggi spento con cinta craterica in gran parte demolita entro la quale si trova un cono più piccolo rappresentato dal Vesuvio, ancora attivo. Il territorio, ricco di bellezze storico-naturalistiche, vanta una produzione agricola unica.

Diversi sono i parchi regionali e le aree protette come ad esempio il famoso Parco regionale dei Campi Flegrei area vulcanica attiva in continua evoluzione. Mentre tra le aree marine protette spicca sicuramente la riserva protetta di Punta Campanella dove la diversità e la bellezza naturalistica si fondono con la presenza di rilevanti insediamenti turistici e storici e non bisogna dimenticare le grotte sottomarine come la Grotta della Cala di Mitigliano.

Punti d’interesse artistici e culturali:

Ricca di siti archeologici, musei e monumenti a testimonianza dell’importanza della regione attraverso i secoli, oggi ci permette di vedere il passato attraverso alcuni tra i più importanti siti al mondo come Peastum che ospita le rovine di Posidonia, importantissimo centro urbano della Magna Grecia, Ercolano e Pompei, sepolte dall’eruzione vulcanica del 79 d.c. sono una straordinaria testimonianza della civiltà urbana dell’epoca imperiale romana.

Napoli per secoli è stato un centro urbano di eccezionale importanza, straordinario il Centro Storico e i Quartieri Spagnoli che ancora oggi rappresentano l’anima della città. Numerosissime le architetture religiose come la Basilica di Santa Chiara, il Duomo, la Chiesa del Gesù Nuovo e la Chiesa dei Girolamini. Tra i musei più importanti il Museo Archeologico Nazionale e il Museo di Capodimonte. La Reggia di Caserta e l’annesso Parco sono il capolavoro dell’architetto Vanvitelli e rappresentano il vertice dell’architettura neoclassica in Italia e sono una delle residenze reali più visitate al mondo. Benevento fu nell’alto Medioevo, un importante centro politico. Notevoli l’Arco di Traiano e, soprattutto i complessi della Rocca dei Rettori e quello di Santa Sofia. La Certosa di Padula o di San Lorenzo è una delle maggiori certose europee con un sontuoso complesso monumentale. Numerose le spiagge della Campania premiate nel 2020 con una Bandiera Blu: Anacapri, Massa Lubrense, Vico Equense, Sorrento, Marina di Cassano, Montecorice, Ispani, Capaccio, Agropoli, Pisciotta, Casal Velino, Sapri, Palinuro, San Mauro Cilento, Vibonati, Acciaroli, Positano, Castellabate e Ascea. A cinque località è stata assegnata la prestigiosa Bandiera Arancione promossa dal Touring Club Italiano: Cerreto Sannita, Sant’Agata de’ Goti, Letino, Morigerati, Zungoli.

Sport e divertimenti:

Sicuramente spiagge e calette così come le tante feste e sagre territoriali rendono questa regione ricca di attività e divertimento. Inoltre non bisogna dimenticare per chi ama camminare Il Sentiero degli Dei che è il più famoso percorso di trekking e si snoda tra Costiera Amalfitana e Sorrentina in un contesto paesaggistico unico. Numerosi sentieri percorrono sia le falde del Vesuvio che il Parco del Cilento. Altra possibilità di divertimento e relax è sicuramente l’ampia scelta termale offerta soprattutto dall’Isola di Ischia.

Enogastronomia:

Per poter parlare della cucina della Campania non basterebbe un libro intero! È una delle colonne della gastronomia italiana, diffusa e conosciuta in tutto il mondo. La pizza napoletana ne è senza dubbio la regina a pari merito con gli spaghetti declinati in numerose varianti tra cui al pomodoro, allo scoglio e alle vongole. Tra i prodotti DOP spiccano la mozzarella di bufala campana e l’olio extravergine di oliva Irpinia Colline dell’Ufita. Ottimi i dolci dove spiccano babà, struffoli, mostaccioli e pastiera. Infine è bene non dimenticare alcuni vini bianchi come Falanghina, Greco di Tufo e Fiano di Avellino che accompagnano ottimamente i prelibati piatti della cucina Campana.

Come raggiungere e muoversi in Campania:

Aereo: In Campania sono presenti ben 4 aeroporti, anche se quello più importante è l’ Aeroporto di Napoli Capodichino, uno dei più grandi ed importanti di tutta la penisola.

Treno: L’infrastruttura ferroviaria in Campania si estende per circa 1000 km di linee; oltre 140 le stazioni. La rete fondamentale è costituita dalla linea AV Roma-Napoli, la linea Roma-Napoli via Formia-Villa Literno-Aversa, la linea Roma-Napoli via Cassino-Caserta-Cancello, la linea Napoli-Salerno-Battipaglia-Sapri (-Reggio Calabria) e la linea Caserta-Benevento-Savignano Greci (Foggia), parte della linea trasversale transappenninica Caserta- Foggia.

Auto: La Campania è facilmente raggiungibile in auto da tutta la Penisola in quanto risulta attraversata per intero dall’ Autostrada A1.

Quando andare: Sulla costa troviamo un clima mite tipicamente mediterraneo e l’interno con clima più rigido. Le precipitazioni rilevanti sono concentrate in autunno e inverno. È una regione che per varietà di offerta turistica e clima permette di essere visitata tutto l’anno.

Alcuni suggerimenti di itinerari e escursioni:

Sicuramente se non ci siete mai stati dovete andare a Napoli con la vostra famiglia e passeggiare coi bambini sulla strada che attraversa il suo cuore: Spaccanapoli. Si chiama così perché divide come una linea la città antica tra nord e sud e attorno a lei si sviluppa un intricato reticolo di viuzze dove poter vedere numerose botteghe artigianali storiche che realizzano vere e proprie opere d’arte in miniatura come le maschere dei personaggi o i presepi tradizionali o moderni e i pizzaioli che impastano la pizza ad ogni ora che è assolutamente da assaggiare. Coi bambini è molto bello anche prendere la vecchia funicolare verso il Vomero e fare una tappa alla Friggitoria Vomero, una delle più famose della città dove gustare le frittelle di pasta e calzoni ripieni di ricotta.  Fuori dalla città di Napoli e più precisamente a San Lorenzello vicino a Benevento è possibile fare un salto indietro nel tempo e incontrare i dinosauri in un’area verde dotata di punti ristoro dove fare un bel pranzo a sacco. Si tratta del Dino Park dove i più piccini potranno vedere delle riproduzioni di dinosauri. Da non dimenticare anche una giornata dedicata alla visita di una delle isole come Capri o Ischia. E isole sono raggiungibili via mare da Napoli e sono ideali per passare una giornata diversa e passeggiare tra le viuzze e le calette.

Le spiagge family friendly

Sicuramente il Cilento è una delle zone più adatte ad una vacanza con i bambini in quanto la sua costa è un’alternanza di spiagge sabbiose e promontori rocciosi con una vista incredibile sul mare. Per gli amanti delle gite in barca ci sono anche diverse possibilità di visitare alcune grotte marine. Tra le spiagge più adatte alle famiglie sicuramente da citare il litorale di Casal Velino e Marina di Ascea riconosciute Bandiera Blu. Palinuro è una delle località più conosciute ed è famosa per le sue grotte, ma ha anche belle spiagge di sabbia come quelle di Marinella e delle Saline.  Dal porto di Palinuro partono le escursioni alle grotte che furono usate in passato anche come abitazioni grazie al fenomeno del bradisismo e che oggi sono visitabili sono in parte in quanto alcune sono completamente sommerse e accessibili solo ai subacquei. Le più famose sono la Grotta Azzurra e la Grotta di Pertosa.  Anche Marina di Camerota è gettonatissima per le famiglie, la costa è qui molto frastagliata e le spiagge sabbiose, ad esclusione del litorale del Mingardo, sono pressoché tutte piccole calette.  Inoltre è da mettere in conto di dover fare delle discese e delle salite per raggiungere il mare in quanto l’abitato è generalmente su più livelli, quindi da ben ponderare se hanno passeggini e bimbi molto piccoli.

Da non perdere: Sono veramente troppe le cose da non perdere in questa variegata regione, ma sicuramente una delle visite da fare è un week-end o un breve viaggio on the road per le tortuose strade della costiera Amalfitana. Assolutamente da visitare in auto con calma e fermandosi quando il panorama ce lo chiede. Non si possono fissare delle tappe troppo rigide perché il bello di questa zona è proprio perdersi a guardare e magari fermarsi lungo la strada a comprare qualche ceramica decorata a mano coi limoni gialli. Maiori, Positano, Amalfi, Punta Campanella e molte altre località sapranno accogliervi e stupirvi. Un ultimo consiglio per chi è in cerca di relax è di andare e soggiornare a Procida: piccola e meno affollata soprattutto in certi periodi dell’anno è ideale per gli amanti del mare ma anche per gli appassionati di trekking che possono visitare al riserva di Vivara.

Qui sotto trovi il pdf scaricabile gratuitamente con tutte le informazioni utili per andare in Campania…quando potremo di nuovo viaggiare!!

federica binfarè

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: