Intervista a Laura Molteni, consulente d’immagine.

Per mostrarsi più sicura, per sentirsi più bella, per stare bene con se stessa e con gli altri, per comunicare il suo stato d’animo. Questi sono alcuni dei motivi per il quale una donna si trucca. Ma invece, perchè una donna non si trucca? E’ questa la domanda che mi pongo più spesso e non so se sia dovuto dalla mia deformazione professionale o al fatto che ho sempre visto le donne della mia famiglia farlo, ma trovo davvero difficile comprendere chi non lo fa. So che ci potrebbero essere una marea di motivazioni valide per non farlo, ma oggi vi propongo un’intervista con una professionista, Laura, consulente d’immagine, per avvicinarvi un po’ alla mia mentalità da “beauty addicted” e magari ispirarvi a prendervi cura di voi stesse, a iniziare un nuovo cambiamento, a volervi bene in tutti i sensi. Perchè è vero che l’apparire non è tutto, ma è il nostro primo biglietto da visita quotidiano. Buona Lettura!

1) Ciao Laura, Benvenuta su La Rubrica delle Mamme! Ti va di raccontarci chi sei e di cosa ti occupi?

Ciao Valentina, grazie per avermi invitato! Sono una consulente d’immagine, in parole povere vi aiuto a valorizzare la vostra immagine, attraverso l’uso dei colori e delle forme dei capi tutto in funzione di trovare uno stile personale che vi soddisfi e vi faccia sentire bene.

2) Quando si parla di Consulenza d’Immagine si pensa subito all’armocromia ma, seguendo il tuo profilo Instagram, ho scoperto che la consulenza d’immagine è tanto altro. A chi consiglieresti i tuoi servizi e perchè una persona “comune” dovrebbe affidarsi a una professionista del mestiere?

La consulenza d’immagine è un mondo vastissimo e meraviglioso. I miei servizi si rivolgono principalmente a due categorie di persone: quelle curiose di scoprire i propri colori valorizzanti e quelle che invece vorrebbero cambiare qualcosa della loro immagine, senza però portare cambiamenti drastici.  Sono persone che vogliono avere dei piccoli strumenti per apparire al meglio – anzi come dico sempre io – per comunicarsi al meglio al mondo esterno.

Photo credit Stefano Tagliabue

Capire com’è fatto il nostro corpo e prenderne consapevolezza ci aiuta ad avere una visione diversa di noi stessi e fa bene all’autostima e sapere che se abbiamo, ad esempio un colloquio, la giacca blu ci valorizza più di quella nera è sicuramente un punto in più nella promozione di noi stessi.

Pensa che io mi sono avvicinata a questa professione proprio sperimentando sulla mia pelle una consulenza: era un periodo un po’ no e incerto della mia vita, non avevo un lavoro particolarmente stabile e non stavo bene nei miei panni. Fare la consulenza mi ha aiutato a riconnettermi con la mia immagine, capire che sono fatta così e quali sono i miei punti di forza, ma anche sperimentare colori e capi che non avevo mai considerato. A me la consulenza ha fatto stare bene e mi piace pensare che possa far stare meglio anche altre persone.

Io sono una persona normale, le mie clienti sono persone normali, la consulenza d’immagine è fatta per persone con esigenze comuni, serve per dare loro risposte pratiche a problemi quotidiani: come mi vesto per un colloquio e fare bella figura? Tramite l’uso dei colori e delle forme sarà più facile rispondere a questa domanda. 

3) Qui su La Rubrica mi occupo di bellezza e makeup. Che tipo di rapporto hai con il mondo beauty? È cambiato il tuo approccio al makeup in seguito alla tua formazione professionale?

Sono sempre stata una grandissima appassionata di make-up, anche se con gli anni ho maturato la consapevolezza che acquistavo più di quello che usavo. Il make-up mi ha sempre fatto stare bene, solo guardare una palette colorata mi dava la pace dei sensi!

Ho scoperto di essere una stagione fredda (cool Summer), cerco di indirizzare le mie scelto verso colori freddi più adatti a me anche se è davvero molto difficile visto il trend continuo dei colori caldi. Certamente sapere quali sono le tonalità che più mi valorizzano, è un aiuto per risparmiare ed evitare di fare spese superflue. Però per me il make-up è soprattutto un modo di esprimersi e divertirsi giocando – e a volte noi adulti abbiamo proprio bisogno di giocare – quindi non mancano nella mia make-up Collection palette più eclettiche con colori sgargianti.

Durante la quarantena ho realizzato delle dirette insieme a Valeria Brenna, una mia amica truccatrice con cui collaboro, ci siamo truccate in vari modi ma il più divertente di tutti è stato sicuramente il make-up ispirato agli anni 80: in un periodo così grigio e angosciante come il lockdown, quell’esplosione di colori sul viso mi hanno fatto stare bene. 

Il colore può essere davvero terapeutico.

4) Ora la domanda cruciale: obiettivamente, quanto conta il makeup in un look? (Mi riferisco al look di una donna che fa una vita normale, quindi mamma, lavoratrice, casalinga e non personaggio pubblico)

Tanto! Il make-up è un accessorio di stile significativo. Faccio sempre questo esempio: prendiamo tre donne vestite t-shirt bianca,  jeans, sneakers e con i capelli legati in una coda. Apparentemente sembrano tutte uguali. Ora lasciamole truccare ed ecco la magia: ognuna di loro si truccherà in modo diverso. Ci sarà quella che farà le labbra rosse e l’eyeliner anni 50; un’altra farà uno smokey super colorato e applicherà le ciglia finte e la terza opterà per un trucco veloce, acqua e sapone.

Photo credit Stefano Tagliabue

Il trucco è uno strumento per esprimere chi siamo ma anche per valorizzare ciò che abbiamo! Con il trucco possiamo giocare a trasformaci, essere un po’ diverse, uscire anche dalla solita routine quotidiana. Solamente che a volte non sappiamo come fare, come utilizzare questo strumento: siamo bombardati da tutorial e ragazzi giovani che realizzano delle super full face dietro ad una telecamera, ma che di fatto non ci insegnano davvero come usare il make-up tutti i giorni, metterlo al servizio della nostra bellezza, ed è anche per questo che ho pensato a un workshop incentrato sul make-up.

5) Ti senti di dire qualcosa a quelle donne che per tanti motivi non curano la propria immagine?

Vogliatevi bene, fatelo per voi stesse. Ve lo meritate, non è mai troppo tardi per farlo e per imparare.

Quando si parla di aspetto si fanno subito a discorsi frivoli, eppure è importante curare ciò che vediamo allo specchio perché si riflette direttamente sul nostro essere interiore: fare pace con quell’immagine riflessa è il primo passo per stare meglio.

6) Grazie Laura, sei stata molto gentile e disponibile a rispondere alle mie domande! Un saluto e un abbraccio virtuale

Grazie mille a te Valentina per la pazienza e la gentilezza, un abbraccio virtuale con la speranza di poterlo fare presto dal vivo.

autrice del post è valentina t.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: