Sicuramente per raccontare cosa vedere in questa regione non si può evitare di parlare di Roma.

Roma è una città unica, la storia e l’arte si respirano per le sue strade. Ovunque guardi puoi vedere qualcosa di bello: da un resto dell’antica civiltà romana che spunta tra le piante, ad un palazzo barocco, per intravedere la cupola di una chiesa o lo scorrere del Tevere. Roma è una città che vissuta passeggiando, perdendosi per le sue vie e dedicandosi del tempo ad osservare quello che vi circonda. Provate ad immaginarvi ora davanti al Pantheon oppure nel mezzo di Piazza Navona dove poter ammirare 3 fontane incredibili: la fontana dei Quattro Fiumi, la fontana di Nettuno e la fontana del Moro.

Preparate la moneta da lanciare nella fontana di Trevi se volete tornare a Roma, mi raccomando. Al tramonto sicuramente non vi lascerà indifferenti la bellezza della suggestiva Piazza di Spagna con la sua famosa scalinata che conduce a Trinità dei Monti.

Ovviamente non potete non visitare le tante chiese che ci sono e soprattutto una visita al Vaticano è d’obbligo. Dall’alto del cupolone la vista vi lascerà senza fiato.

Se poi la sera non siete ancora stanchi un’ultima passeggiata e magari una cena nel quartiere di Trastevere vi porterà a conoscere uno dei quartieri più in voga ultimamente oltre che assaggiare una cucina che non vi scorderete molto presto.

Alcuni dati sulla regione:

Capoluogo: Roma

Territorio: Il territorio è prevalentemente collinare e montuoso con una zona pianeggiante verso il litorale. Nella parte orientale della regione corrono i Monti della Laga parte dell’Appennino dove si trovano i Monti Reatini, Monti Sabini, Monti della Duchessa, Monti Simbruini e Monti Ernici. Inoltre ci sono dei gruppi montuosi di modeste dimensioni come Colli Albani, Monti Volsci e altri. La costa del Lazio è generalmente bassa e sabbiosa talvolta interrotta da promontori e dalla foce del Tevere. Il Tevere è il corso d’acqua principale della regione che attraversa anche Roma.  Degne di nota sono infine le isole Ponziane: Ponza, Gavi, Zannone, Ventotene e Santo Stefano.

Parchi nazionali: La regione Lazio presenta diversi Parchi Nazionali, Parchi Naturali, Riserve e Oasi. Molte di queste zone conservano ambienti di grande pregio dal punto di vista naturalistico, biologico ed ecologico come il Parco Regionale Naturale dei Monti Simbruini, il Parco Naturale dei Monti Aurunci, il Parco Regionale Valle del Treja e il Parco Naturale dei Monti Lucretili. Da aggiungere anche i laghi e gli specchi d’acqua salmastra che sono interessanti dal punto di vista naturalistico, infine sono di notevole interesse anche i laghi di origine vulcanica e quelli carsici come il Lago della Duchessa e i laghi artificiali come quello del Turano e del Salto.  Bisogna ricordare che alcuni laghi come il Lago di Bolsena, il Lago di Vico, il Lago di Bracciano e il Lago Albano, presentano testimonianze storiche a partire dall’età del ferro in poi e conservano dei borghi storici di grande importanza.

Punti d’interesse artistici e culturali: Sono 6 i siti del Lazio iscritti nel Patrimonio dell’Umanità: Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli, le Necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia, il centro storico di Roma la Macchina di S. Rosa a Viterbo. Inoltre la faggeta di Monte Raschio di Oriolo Romano e la faggeta del Monte Cimino a Soriano nel Cimino fanno parte del sito transnazionale Antiche faggete primordiali della Croazia e di altre Regioni d’Europa iscritto all’UNESCO nel 2017. La Regione inoltre sostiene le candidature per due nuovi siti: la spettacolare Civita di Bagnoregio e la Via Francigena italiana. Diversi sono anche i borghi “fantasma” che meritano una visita come le rovine di borgo di Monterano, la città di Ninfa, Galeria Antica, Rocchette e Rocchettine tutte città fantasma e borghi abbandonati e ricchi di fascino e testimonianze storiche.

Le spiagge laziali premiate nel 2020 con una Bandiera Blu sono 9: Anzio, Trevignano Romano (Lago di Bracciano), Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta e Ventotene. A ben diciannove località è stata assegnata la prestigiosa Bandiera Arancione promossa dal Touring Club Italiano. Il litorale è principalmente piatto e sabbioso ad eccezione del Monte Circeo che presenta dune e macchi umide tutelate dal parco naturale. Infine bisogna ricordare le Isole Ponziane meta estiva di romani e non.

Sport e divertimenti: in un territorio così ambio la scelta sportiva è assai variegata dal calcio all’atletica fino alle attività in mare con diverse possibilità di immersioni nelle grotte sottomarine del litorale. Da non dimenticare anche gli stabilimenti termali di Fiuggi per il relax e le cure termali.

Parchi divertimento: nel Lazio sono presenti anche diversi parchi divertimento tematici come: Rainbow MagicLand a Valmontone, BioParco di Roma (parco didattico e faunistico), Cinecittà World a Castel Romano, Zoomarine Torvaianica a Pomezia (parco acquatico), Roma World a Castel Romano.

Enogastronomia: anche per il Lazio come per quasi tutta l’Italia ci sarebbe da scrivere un libro sulla cucina e sui prodotti tipici che offre. Anche qui ogni famiglia è detentrice dei segreti e delle ricette che si tramandano da generazioni diventando il simbolo indiscusso del pranzo della domenica: amatriciana, carbonara, carciofi, abbacchio e chi più ne ha più ne metta! La produzione vinicola ha un orientamento regionale con i DOC Castelli Romani tra i vini più noti. Tutte delizie per il palato.

Come raggiungere e muoversi in Lazio:

Aereo: Roma è collegata al resto del mondo tramite l’hub internazionale di Fiumicino e l’aeroporto di Campino.

Treno: la regione è raggiungibile con le linee della rete nazionale e quelle dei treni ad Alta Velocità. Le principali stazioni sono Roma, Latina e Frosinone. Roma è il principale nodo dell’Italia Centrale per i treni ad Alta Velocità e della Rete ferroviaria convenzionale trans-europea (TEN-T) sull’asse ferroviario che collega Palermo con Berlino.

Auto: con l’autostrada A1 Milano – Napoli (detta anche “Autosole”) si può raggiungere il Lazio da tutta la nazione.

Quando andare: una regione come il Lazio si offre al turismo durante tutto l’anno grazie alla varietà delle sue proposte.

Alcuni suggerimenti di itinerari e escursioni:

Tutti quanti conosciamo la bellezza di Roma la città eterna e di tutti i suoi monumenti e resti archeologici che la rendono veramente unica al mondo, ma nel Lazio ci sono tante altre località da non perdere che vorrei proporvi brevemente.

Da non perdere: Sperlonga è uno dei borghi più belli del litorale laziale. Grazie al suo suggestivo centro storico è stata inserita nel circuito dei borghi più belli d’Italia. Al confine con l’Umbria si trova un villaggio medievale rimasto immutato nel tempo e altamente scenografico grazie alla sua posizione: Civita di Bagnoregio. Un susseguirsi di vicoli, archi, cortili, piazzette e case medievali e rinascimentali che al tramonto si colora di particolari tonalità e offre un incantevole spettacolo grazie ai crinali e alla vegetazione che la circonda.  Da non perdere anche il Sacro Bosco o Parco dei Mostri di Bomarzo in provincia di Viterbo un complesso monumentale italiano con numerose sculture in basalto raffiguranti animali, mostri e divinità immerse nella vegetazione. Assolutamente da visitare anche con i bambini e i ragazzi.

federica binfarè

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: