Trucchi e segreti per usare al meglio il forno

Tra i vari elettrodomestici che utilizziamo con frequenza, c’è lui, il forno!
Può essere usato per cuocere o per riscaldare gli alimenti, meglio ancora per completare precedenti cotture, come nel caso della brasatura.

Lo utilizziamo per praticità, ma è anche bene imparare ad utilizzarlo in modo corretto.

Foto di PhotoMIX Company da Pexels

Cuocere al forno può permettere di portare in tavola cibi più sani, cibi non fritti. Tuttavia è importante sapere che i grassi presenti nell’alimento che abbiamo messo in forno si sciolgono durante la cottura, andandosi ad unire all’olio o al burro messi in precedenza. Quindi per prima cosa, abbiate sempre un occhio di riguardo sui condimenti che andate ad introdurre. La pietanza potrebbe risultare più buona, dorata e con una bella crosticina, ma anche molto grassa e poco salutare. 

La maggior parte delle volte viene utilizzato per cuocere i lievitati, ma siamo sicuri di utilizzarlo sempre in maniera corretta?
Esistono principalmente due tecniche di cottura, ma non è detto che si trovino in tutti i forni, sto parlando della cottura a forno statico e di quella ventilata.

•La cottura in forno statico sta a significare che all’interno dell’elettrodomestico non è presente un movimento d’aria. 
La cottura procede in tempi lenti e in questo modo il grado di cottura sarà uguale in ogni parte, quindi anche l’interno avrà un aspetto asciutto. Questa tecnica di cottura è suggerita per la preparazione di cibi lievitati come pizza, pane e dolci.

•La cottura in forno ventilato invece fa si che il calore si trasmetta in maniera uniforme mediante un flusso d’aria.
Questo permetterà di accorciare i tempi di cottura senza andare ad alterare il cuore dell’alimento che rimarrà umido, al contrario della parte esterna che invece risulterà bella croccante.
Una delle ricette per eccellenza cotte in forno ventilato è la lasagna!!!
Questo metodo di cottura si presta maggiormente per pesce, carne e primi piatti.

E le verdure? Si possono cuocere in forno?
Certo che si. È consigliata una cottura ventilata per ottenere verdura gratinata di qualità.

Ma se voglio preparare una ricetta che prevede la cottura in forno ventilato ed io sono senza ventola come faccio?

Basterà aumentare la temperatura di circa 20°.
Viceversa abbasserò, l’importante è mantenere il tempo indicato immutato.

•Concedetemi due parole anche per la funzione grill, la quale si utilizza soprattutto per gratinare cibi. Questa funzione cuoce a temperature molto elevate, ecco perché è fondamentale utilizzarla per brevissimo tempo. Fate occhio a non carbonizzare i vostri manicaretti!

È arrivato il momento della pulizia!!!

Dopo aver utilizzato il forno ricordatevi di pulirlo sempre per bene. Se agirete nell’istante sarà una passeggiata tenerlo brillante. Io non uso mai prodotti chimici per la pulizia del forno. Piuttosto una spugna, un pò di acqua e aceto e via. Lavate e asciugate, per non avere aloni, soprattutto sui vetri.
Lavate anche le varie teglie e le griglie. Prima sgrassatele a mano e poi mettetele in lavastoviglie.
Se invece avete trascurato il vostro forno per tanto tempo, vi propongo un’altra soluzione.
In una ciotola, mettete una tazzina di bicarbonato, una di sale grosso e una di acqua. Mescolate fino a creare una crema densa, non troppo liquida. Prendete una spugnetta abrasiva e spalmate questa crema su tutte le superfici del forno, compreso il vetro dello sportello. Lasciate agire per un’ora, poi sciacquate con un panno umido e asciugate. In questo modo il vostro forno sarà  pulito e disinfettato.


E ora veniamo alla parte più pratica e gustosa, la parte che preferite!Questo mese io e Valentina vi lasceremo 4 ricette che prevedono la cottura in forno! Non perdetevi il primo appuntamento, giovedì 4 marzo! 

TROVI QUI LA RICETTA

TROVI QUI LA RICETTA

TROVI LA RICETTA QUI

autrice del post è martina

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: