Ecco la prima ricetta tipica della tradizione piemontese. Si tratta dei Capunet, ovvero involtini di verza con carne. Un piatto povero che in origine prevedeva l’utilizzo della verza e degli avanzi di carne del giorno prima. Ovviamente la ricetta varia un po’ a seconda della zona o della tradizione familiare. Infatti c’è chi li cucina nella salsa di pomodoro e chi li lascia bianchi solo stufati in padella, vero è che ricordano la cucina semplice e genuina della nonna.

•Ingredienti per 4 persone
12 foglie di cavolo verza
300 gr di trito di carne di manzo
100 gr di di pasta di salsiccia
1 uovo
5 cucchiai di parmigiano grattato
mezzo litro di brodo di carne
3 fette di pane duro
1 bicchiere di latte
500 ml di salsa di pomodoro (favoltativo)
sale q.b.

•Procedimento
Portate ad ebolizione l’acqua leggermente salata dove farete scottare le foglie della verza per circa 3/4 minuti. Nel mentre mettete il pane a bagno nel latte e iniziate a lavorarlo aggiungendo la carne trita e la pasta di salsiccia, l’uovo, il sale, un po’ di parmigiano.
Scolate le foglie del cavolo verza e fatele raffreddare, per poterle maneggiare meglio. Quando saranno pronte farcitele dell’impasto e chiudete come fossero dei fagottini. Potrete utilizzare spago da cucina.
Fate cuocere in olio caldo e brodo rigirando per qualche minuto da un lato e dall’altro coprendo con coperchio. Se volete una versione da scarpetta, aggiungete anche 500 ml di salsa di pomodoro e procedete con la cottura. Dopo circa 30 minuti a fuoco medio/basso saranno pronti.

Categorie: Le ricette

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: