M come MATERNITA’, GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO baby bues, catherine, depressione, test

Baby blues e depressione post-partum

Le malinconie puerperali conosciute anche come Baby Blues non sono considerate un vero e proprio disturbo perché legate alle grandi variazioni fisiologiche che avvengono nei giorni dopo il parto e tendono ad autolimitarsi, scomparendo definitivamente nel giro di pochi giorni. Le malinconie sono comuni e passeggere e non vanno confuse con la depressione post partum, che invece è una condizione fortemente debilitante.

Circa l’85% delle madri soffre di baby blues, condizione normale e fisiologica secondo molti esperti. Tra i sintomi si riconoscono gli sbalzi di umore, irritabilità, ansia, confusione, qualche momento di pianto e disturbi dell’appetito, questi possono manifestarsi uno o due giorni dopo il parto e durare dai 10 ai 14 giorni. Il baby blues è provocato da più fattori: molto importanti sono i rapidi cambiamenti ormonali che avvengono subito dopo il parto, lo stress psico-fisico legato al momento del travaglio  del parto, le complicanze fisiche del post partum, come i postumi dell’episiotomia o del taglio cesareo che limitano l’autonomia della madre, la fatica fisica, l’ansia legata all’aumento delle responsabilità, l’insorgenza di imprevisti o contrasti con i familiari, i parenti e così via. In questa situazione è molto importante condividere le esperienze provate con altre mamme e poter pianificare una buona divisione di compiti con il compagno o i familiari stretti.

Nel 10-20% dei casi le malinconie puerperali evolvono in depressione post partum. Si tratta di un problema complesso e della diffusione crescente. L’esordio è sfumato e graduale ma può anche essere molto rapido; avviene dal terzo mese al primo anno dopo il parto: Importante ricordare che una depressione post partum non curata tende a cronicizzare e che la depressione della madre riduce le possibilità di sviluppare una buona sintonia con il bambino, cosa che aumenta il disagio e complica la depressione stessa. Sono state formulate diverse teorie circa le cause delle depressione puerpuerale. Una delle più comuni è alterazione dei livelli ormonali. Fino ad oggi, non è stata identificata una causa biologica della malattia, ma durante la gravidanza possono svilupparsi delle disfunzioni della tiroide che, se curata, contribuiscono alla guarigione. In caso di sospetta depressione, il medico mi suggerirà esame della funzionalità tiroidea.

Non esitate a chiedere un parere medico se sospettate di soffrire di depressione, perché non sussiste solo il rischio di depressioni ricorrenti anche in seguito, ma la malattia potrebbe avere ripercussioni a lungo termine anche sullo sviluppo e sul comportamento del bambino. I centri materno-infantile sono specializzati in questo tipo di problemi e potete chiedere aiuto e assistenza anche a casa.

Un test* per capire se siete depresse

 

Se pensate di soffrire di depressione, rispondete alle 10 domande che seguono. Si tratta di un questionario studiato appositamente per la depressione post partum e va preferibilmente affrontato a distanza di 6-8 settimane dopo il parto.

Nell’ultima settimana:.....

1) Sono riuscita a ridere e vedere il lato comico delle cose….
  • Quanto facevo prima (0 Pt)
  • Non esattamente come prima (1 Pt)
  • Decisamente non come prima (2 Pt)
  • Mai (3 Pt)


2) Ho provato eccitazione nell’attesa di qualcosa…
  • Quanto facevo prima (0 Pt)
  • Non esattamente come prima (1 Pt)
  • Decisamente non come prima (2 Pt)
  • Quasi mai (3 Pt)


3) Mi sono incolpata senza motivo quando le cose andavano male…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


4) Ho provato ansia o mi sono preoccupata senza alcuna ragione valida…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


5) Ho provato paura o panico senza alcuna ragione valida---
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


6) Mi sono sentita sopraffatta dagli eventi…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


7) Mi sono sentita così infelice da non riuscire a prendere sonno…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


8) Mi sono sentita triste e malinconica…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


9) Mi sono sentita così infelice da piangere
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)


10) Mi è capitato di pensare a farmi del male…
  • No, mai (0 Pt)
  • No, quasi mai (1 Pt)
  • Si, qualche volta (2 Pt)
  • Si, molto spesso (3 Pt)



Fate la somma delle risposte date a ciascuna domanda, se il punteggio è 12 o superiore esiste una possibilità molto elevata che soffriate di depressione ed è necessario che vi rivolgiate al medico il prima possibile.

 

Autore: Catherine

 

*(Test tratto dal libro “Il grande libro della gravidanza: una guida per tutte le mamme” – Rizzoli)


    Parse error: syntax error, unexpected '.', expecting '&' or variable (T_VARIABLE) in /web/htdocs/www.larubricadellemamme.it/home/wp-content/plugins/ad-inserter/includes/agent/Agent.php on line 357