3 pose yoga per dorsali da nuotatori

Quarto mese insieme e, e siete state brave e diligenti, senza dubbio potete già osservare il vostro corpo che migliora in salute e tonicità, resistenza e capacità polmonare, flessibilità e miglioramento d’umore. Anche se siamo chiuse in casa, muoversi quei cinque-dieci minuti al giorno ci aiuterà a ogni livello: fisico, mentale e spirituale. Anche questo mese, con La Rubrica delle Mamme, vi siamo vicine per praticare assieme, utilizzando delle pose yoga per stimolare la nostra muscolatura.

Ogni mese ci concentreremo su una specifica parte del corpo e andremo a svolgere insieme 3 esercizi ispirati alle pose dello yoga. Basteranno 5 minuti, non di più, consigliati da svolgere 5 giorni alla settimana. Anche se sei una mamma che non ha mai fatto sport, anche se l’idea di fare ginnastica ti fa venire l’urticaria, anche se ti senti completamente fuori allenamento, potrai trovare in questi esercizi ciò che fa per te: perché lo yoga è una disciplina che si adatta al corpo di chi la pratica.

Aprile ci farà lavorare sui muscoli dorsali, muscoli che, nella vita quotidiana, raramente prendiamo in considerazione. Eppure sono importantissimi anche per la nostra postura, per una migliora apertura del torace e così una più ampia capacità polmonare. E chi respira meglio, vive meglio! La schiena, secondo la metamedicina, è quella parte del corpo che si fa carico di pesi e responsabilità. Dolori e problematiche in questa parte del corpo ci fanno dunque riflettere su quanto viene caricato sulle nostre spalle, quante responsabilità ci addossiamo, o ci vengono addossate, quanta collera, rabbia, insoddisfazione accumuliamo. Ci stiamo forse imponendo troppe cose? Ci sentiamo forse abbandonate, sole, a gestire le situazioni? Il mal di schiena è una realtà piuttosto comune tra le persone di svariate età, e andando a rinforzare questa muscolatura ci permetterà anche di lavorare emotivamente sui carichi che portiamo giornalmente.

Per svolgere questi esercizi non occorre nulla se non il nostro corpo e un tappetino (o un asciugamano). Mettiamoci sedute a gambe incrociate, colonna allungata e spalle rilassate, e facciamo qualche respiro a occhi chiusi, rilassandoci e lasciando andare ogni pensiero. Per questi cinque minuti ci occupiamo solo di noi e del nostro corpo. Portiamo l’attenzione sui muscoli della schiena  e chiediamoci: come stanno? Inspirando portiamo le mani verso l’alto, le uniamo sopra alla testa ed espirando le portiamo al cuore, per tre volte, a ritmo col respiro.

Esercizio 1: BHUJANGASANA

Portiamoci pronte sul tappetino, le mani sotto alle spalle, dita ben aperte. Inspirando ruotiamo indietro le spalle e spingiamo con le mani il pavimento lontano da noi, srotolando la colonna e sollevando la testa. Le spalle lontane dalle orecchie, il petto aperto, le braccia forti. Espirando torniamo lentamente al tappetino. Iniziamo con 3 ripetizioni, man mano nel corso del mese possiamo aumentare, il nostro obiettivo sarà arrivare a 10 ripetizioni entro fine aprile. Pronte per la sfida?

“Con questa Asana dunque stiamo compiendo un salto di qualità, ci stiamo mettendo in contatto con quella nostra energia primordiale e la stiamo risvegliando e invitando a salire. Essa può aiutarci ad elevarci, può aiutarci ad alzare la testa mantenendo le nostre basi fisse al suolo, alla Terra: il bacino infatti, sede del primo chakra è ben ancorato al suolo, mentre le testa spicca il volo verso l’alto. Solo riconoscendo le nostre basi potremo davvero volare alto.” (tratto da La via dello Yoga, Eretica Edizioni)

Esercizio 2: SALABHASANA

Dopo un attimo di rilassamento, sempre proni, appoggiamo il mento a terra e teniamo rilassata la zona del collo. Le braccia lungo i fianchi, con i palmi rivolti verso terra. Solleviamo lentamente prima una gambe e poi l’altra, mantenendole allungate e con il piede a punta. Poi, solleviamo le due gambe insieme. Quando siamo stabili, possiamo sollevare anche il petto e il busto, spingendo con le braccia all’indietro. Riportiamo poi il corpo rilassato a terra e ripetiamo dalle 3 alle 10 volte.

“Questo esercizio è ottimo per rafforzare la volontà; serve infatti controllo e sicurezza, allenamento e pazienza per poterlo svolgere al meglio. Possiamo eseguirla tutte quelle volte che necessitiamo di fermezza e di impegno, per ricordarci che possiamo superare tutti gli ostacoli, se lo vogliamo. “ (tratto da La via dello Yoga, Eretica Edizioni)

Esercizio 3: BALASANA

E dopo la fatica, il rilassamento. Lavoriamo sull’allungamento dolce della colonna. Ci portiamo in ginocchio, sedute sui talloni. Senza staccare i glutei dai talloni, ci pieghiamo in avanti portando la fronte verso il tappetino. Allunghiamo le braccia in avanti e rilassiamoci da tre e dieci respiri.

“Eseguendo questa Asana ci stiamo chiudendo al mondo, stiamo lasciando fuori tutto ciò che non ci appartiene, tutte le problematiche quotidiane, le ansie e le paure, i dubbi, le arrabbiature… tutto è lasciato fuori perché noi ci stiamo chiudendo verso il nostro centro. Il nostro corpo delimita fisicamente lo spazio, ci fa chiudere in un bozzolo in una posa che ricorda quella fetale. Siamo di nuovo solo noi. In questo spazio sacro che abbiamo creato possiamo andare alla ricerca della nostra parte più intima, quel bambino interiore che troppo spesso dimentichiamo.” (tratto da La via dello Yoga, Eretica Edizioni)

Concludi sedendoti, rilassandoti mentre respiri. Namastè!

Ps: segui il video e pratichiamo gli esercizi del mese insieme! Puoi anche scaricare e stampare il programma con la tabella di marcia e osservare così i tuoi progressi.

programma-di-allenamento-aprileDownload



0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: