V come VIAGGI E VACANZE PER LA FAMIGLIA animali, bioparco, gita in famiglia, picnic, recensione, torino, Viaggi, zoo, zoom torino

ZOOM DI TORINO: GITA IN FAMIGLIA

zoom di torino famiglia

La nostra esperienza al bioparco Zoom di Torino

Qualche giorno fa io e la mia famiglia siamo andati per la prima volta allo Zoom, un bioparco situato a Cumiana, in provincia di Torino. Siamo rimasti meravigliati dalle varie tipologie di habitat che hanno ricreato. Non ha nulla a cui vedere con il classico zoo.

zoom torino mappa

Per salvaguardare il più possibile gli animali, garantendo il loro benessere, hanno cercato di riprodurre in maniera realistica i paesaggi dell’Africa e dell’Asia, in questo modo abbiamo avuto la possibilità di conoscere e approfondire le tematiche ambientali, grazie anche ai vari incontri (costi compresi nel biglietto) con i biologi. In pratica gli animali che vivono li sono cresciuti in cattività e alcuni sono stati salvati da varie vicissitudini sgradevoli.

zoom torino

In 4 ore abbiamo ammirato 300 animali di 84 specie diverse. Un’avventura a piedi tra tigri, rinoceronti, ippopotami, giraffe, zebre, pinguini, cammelli e dromedari, lemuri, tartarughe, fenicotteri, pellicani e tanti altri. Ben tenuti, curati e liberi: nessuna gabbia o rete. Aldilà della scoperta e dell’ammirazione per il luogo, mi è piaciuto dunque l’obiettivo e il messaggio del parco: conoscenza e protezione verso gli animali, visti non come attrazioni, ma come conservazione e difesa per le specie a rischio.

Oltre gli animali..

piscina zoom torino

Tra le tante cose all’interno sono presenti anche due piscine. Noi non ci siamo andati, il tempo non era dei migliori per mettersi in costume, posso però garantirvi che meritano. Sabbia bianca e rocce africane fanno da contorno e la cosa più sensazionale a mio avviso è che è possibile nuotare vicino ai pinguini e agli ippopotami! Non finisce qui, infatti un’altra avventura incredibile è l’immersione nella piscina per scoprire e nuotare con i ciclidi, le razze e i piranha erbivori. Insomma una nuotata originale è garantita al 100%!

Se deciderete di stare tutto il giorno allo Zoom di Torino ( cosa che non abbiamo fatto noi perché abitiamo a 5 minuti di auto dal parco), potrete trovare anche vari punti ristoro, vi assicuro che curiosando a destra e a sinistra ho notato tanta scelta. Si passa dal ristorante/pizzeria classico (secondo me il più economico) alla carne alla griglia (prezzi esagerati dati i menù proposti), ai chioschi più piccoli. La cosa però che mi ha entusiasmato di più sotto questo punto di vista è stata l’area pic nic! Immensa e … in riva al lago! Si perché all’interno del parco troverete anche un magnifico lago che potrà diventare il vostro sfondo fotografico nella pausa pranzo/relax. Dunque sono ammesse borse frigo e zaini per la scampagnata. Li vicino noterete un parco giochi, alla portata di tutti i bimbi. Insomma sarà impossibile annoiarsi. 

Costi d’ingresso dello Zoom di Torino

Passiamo all’ultimo punto, il più critico, il costo dei biglietti. Potrete comprarli online direttamente sul loro sito  dello Zoom di Torino oppure in cassa una volta arrivati. Presi online vi costeranno meno, ma consiglio di programmare con anticipo la vostra gita perché il prezzo tende a salire all’avvicinarsi della data di visita. Il costo a persona, acquistando i biglietti in cassa è di 26 euro, mentre di 21 euro dai 3 ai 12 anni, disabili e over 65. I bambini sotto i 3 anni non pagano. Certo è che se vorrete farvi un bagno in piscina, dovrete aggiungere dai 6 agli 8 euro a testa. Il parcheggio interno adiacente il parco ha un costo di 3 euro. Non è il posto più economico nelle vicinanze, ma credo che sia davvero il caso di andarci almeno una volta.

E alla fine..

Indovinate qual è l’ultima tappa obbligatoria prima di uscire? Il punto shop. Che uno voglia o no da li bisogna passare. Sarà possibile comprare qualsiasi tipo di souvenir per grandi e piccini. Siccome mio marito è un papà molto buono da questo punto di vista, più di me che ero già pronta a ogni tipo di negazione, ha fatto scegliere alla mia bimba un peluche… Giorgia si è buttata sulle tartarughe. 
E insieme al suo peluche quel giorno ha portato a casa tante emozioni, fotografie e ricordi. Sicuramente tra qualche anno, quando sarà in grado di comprendere ancora meglio, torneremo qui allo Zoom di Torino. 

Autrice Martina

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.