RIMEDI NATURALI AI MALANNI DI STAGIONE

L’inverno porta con sé inevitabilmente ondate di influenze che, prima o poi, colpiscono tutti. La prima regola che dobbiamo tenere a mente è quella di prevenire: innalziamo il nostro sistema immunitario mangiando sano, consumando tanta frutta e verdura, assumendo integratori di vitamina C nei periodi più critici, lavandoci spesso le mani… Ma cosa fare quando l’influenza ci colpisce? Il riposo e bere molta acqua rimangono consigli sempre validi, ma ecco anche qualche idea pratica, e rigorosamente naturale, per far fronte ai malanni di stagione.

Prevenire è meglio che curare. Il miele aromatico è perfetto come antibiotico naturale, per curare e soprattutto prevenire i malanni di stagione, rafforzando il sistema immunitario. Ne basta 1 cucchiaino al giorno, al mattino, per dare anche la carica per affrontare la giornata! Ingredienti: miele millefiori q.b. , 1 cucchiaino di curcuma, ½ cucchiaino di cannella, 1 pezzetto di zenzero fresco a fette, ½ limone a fette

RAFFREDDORE

La tisana contro il raffreddore: 1 cucchiaino echinacea, 1 cucchiaino centaurea, 1 cucchiaino verbena in 250 ml di acqua (una tazza)

 

Tisana ideale per aprire le vie respiratorie curando gli stati influenzali, aiuta a togliere la stanchezza di dosso e allevia i tipici dolori reumatici. Lasciare in infusione le erbe per 10 minuti in acqua bollente, poi sorseggiare ben calda, a piacere aggiungere un cucchiaino di miele.

Il parare della naturopata: secondo la metamedicina ogni sintomo del corpo è un messaggio da parte della nostra anima. Il raffreddore indica un grande senso di stanchezza. Infatti quando siamo influenzati vorremmo solo passare il nostro tempo a letto, al caldo sotto le coperte. Cerchiamo di assecondare questo bisogno il più possibile rallentando i ritmi, cercando di non prendere troppi impegni, e ritagliandoci degli istanti di relax.

TOSSE

L’unguento per la tosse: 1 tazzina olio di base (olio di mandorle, di cocco…), 10 gocce di olio essenziale di eucalipto, oppure timo

 

Un rimedio naturale semplicissimo, ma dai grandi effetti benefici per liberare le vie respiratorie, soprattutto durante la notte. Può essere usato anche con i bambini, per favorire un sonno tranquillo. L’olio va semplicemente massaggiato sul petto, e lasciato agire. Respiriamo bene mentre gli oli essenziali diffondono il loro profumo e i loro effetti benefici.

Il parere della naturopata: ancora una volta la metamedicina ha da portarci un messaggio attraverso questo sintomo. Che cosa ci sta comunicando il nostro corpo con la tosse? L’interpretazione comune è quella di un estremo bisogno di spazi propri. Forse ci sentiamo soffocare in una situazione, forse non ci sentiamo a nostro agio, forse abbiamo semplicemente bisogno di tempo per noi, di trovare un luogo che sentiamo davvero come casa nostra. Cerchiamo di capire quale sfera della nostra vita ha bisogno di spazio e aria nuova.

MAL DI GOLA

Lo sciroppo per la gola: 1 cucchiao di radice di malva, 1 pezzetto di zenzero fresco, ½ cucchiaino di pepe, una tazza (abbondante) di acqua, 1-2 cucchiai di miele o zucchero

Lo sciroppo è un rimedio naturale perfetto per il mal di gola (e la tosse secca), perché ha una azione lenitiva ed emolliente, ripara e protegge le pareti lese e irritate. Allo stesso tempo stimola il sistema immunitario, svolge azione antinfiammatoria e antiossidante. Iniziamo macerando per un giorno la malva nell’acqua a temperatura ambiente, portiamo poi a bollore assieme allo zenzero grattugiato e al pepe per una ventina di minuti. Aggiungere poi il miele o lo zucchero e lasciar raffreddare mescolando di tanto in tanto mentre si addensa.

Il parere della naturopata: il mal di gola indica chiaramente una sofferenza al quinto chakra, che regola la nostra comunicazione e la capacità di esprimere noi stessi. Quando abbiamo mal di gola chiediamoci quali parole stiamo inghiottendo e troviamo il modo per dar loro sfogo.

FEBBRE

Dobbiamo prima di tutto precisa che la febbre è uno stato di liberazione del corpo. Mentre abbiamo la febbre il corpo sta già agendo al suo meglio e, a meno che non salga a temperature molto alte, o che duri parecchi giorni, la soluzione migliore rimane quella di aspettare che faccia il suo corso.

La pietra per la febbre: per abbassare la febbre possiamo usare anche un semplice cristallo di rocca. Appoggiamolo al centro della fronte, o sulle tempie, e lasciamolo agire. Quando la pietra si sarà scaldata possiamo sciacquarla sotto acqua fresca corrente e riporla sopra alla fronte fino alla scomparsa dei sintomi. Il cristallo di rocca aiuta anche a combattere i dolori reumatici tipici della febbre.

 

Autrice Valentina C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.