Ottica e oftalmologia

Prevenzione pediatrica oftalmologica (oculare)

Impariamo a cogliere i segnali e preveniamo danni alla vista dei nostri figli

In questo articolo vi parlerò di prevenzione oculare pediatrica, io sono un’ottica, ma soprattutto una mamma come voi. Andiamo insieme a vedere inizialmente cos’è la prevenzione e poi vedremo quali sono i segnali da cogliere.

PREVENZIONE: prevenire, impedire fatti non desiderati o dannosi.

OFTALMOLOGICA: quel ramo della medicina che si occupa dello studio dell’occhio e dei suoi annessi

PEDIATRICA: quel ramo della medicina che studia e cura le malattie dell’infanzia…

L’OCCHIO è il più importante organo di senso, il 90% delle informazioni ci giungono per mezzo della vista. L’apparato visivo costituisce un bene inestimabile, deve essere protetto e difeso.

La domanda che spesso i miei clienti o amici mi fanno è :

QUANDO FARE LA PRIMA VISITA OCULISTICA??

Le linee guida suggeriscono di sottoporre il proprio bambino alla prima visita oculistica tra il 2º e 3º anno di vita, prima o durante il corso del primo anno di scuola dell’infanzia salvo ovviamente soggetti ad alto rischio generico oppure nei bambini prematuri sottopeso..

Generalmente, in molte città, viene effettuata una prima visita di screening a tutti i neonati prima di essere dimessi dall’ospedale.

La visita oculistica eseguita tra il 2º e 3º anno di vita mira alla ricerca di eventuali vizi di refrazione (MIOPIA, ASTIGMATISMO, IPERMETROPIA), alterazioni della motilità oculare (STRABISMO, SINDROMI OCULARI, NISTAGMO) e dell’ AMBLIOPIA.

La diagnostica tempestiva è fondamentale in questa fase di crescita dei nostri bambini perché il sistema visivo e ancora molto “vulnerabile” e sarà in grado di recuperare eventuali difetti.

Il ruolo di noi genitori è fondamentale anche in questo caso perché osservando quotidianamente i nostri bambini possiamo fornire al medico oculista tutte le info riguardanti “strani” atteggiamenti, come per esempio:

  • STRIZZARE gli occhi quando guada lontano
  • CHIUSURA di un solo occhio quando osserva
  • INCLINAZIONE o ROTAZIONE del capo anomala per osservare un oggetto
  • FASTIDIO alla luce intensa
  • SFREGAMENTO frequente degli occhi con ARROSSAMENTO e LACRIMAZIONE eccessiva
  • VICINANZA anomala alla tv

Se notate quindi uno o più di questi atteggiamenti bisognerà sottoporsi al più presto ad una visita specialistica.

Nel caso in cui venga accertato un vizio di refrazione dal medico oculista NO PANIC.

Si provvederà alla sua correzione tramite OCCHIALI CORRETTIVI

Essi dovranno essere indossati sempre sotto indicazione dell’oculista, anche se il nostro bimbo/a è molto piccolo e magari non li tiene volentieri… ricordate sempre che una mancata correzione del difetto visivo può causare un’ AMBLIOPIA ( lo sviluppo non corretto della capacità visiva di un occhio) non più correggibile o difficilmente correggibile con il passare del tempo.

Autrice Elena

Ogni mese, andrò a sviscerare più da vicino tutte queste tematiche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.